lunedì 18 febbraio 2013

Recensione di "Lo specchio delle fate" di Jenna Black

Editore Newton Compton
Pagine 282
Euro 9,90
TRAMA:
Dana Hathaway non lo sa ancora, ma sta per cacciarsi davvero nei guai. Quando sua madre si presenta al saggio di fine anno ubriaca, la ragazza capisce di averne abbastanza: è giunto il momento di prendere un volo che dagli Stati Uniti la porterà fino alla lontana Inghilterra. È diretta verso la mitica città di Avalon, l’unico posto sulla terra in cui il mondo umano e quello delle fate entrano in contatto e dove vive il suo misterioso padre. Ad Avalon però, il viaggio comincia ad andare storto e Dana si trova invischiata in un gioco molto pericoloso: qualcuno sta cercando senza dubbio di farle del male. Ma soprattutto, sembra che tutti vogliano qualcosa da lei: sua zia Grace, Ethan, un affascinante ragazzo dotato di straordinari poteri, e Kimber, sua sorella. Ma cosa, esattamente? Persino suo padre pare intenzionato a tenerla all’oscuro di tutto quello che le sta accadendo… Intrappolata tra due mondi, coinvolta in oscure trame di potere, la ragazza non sa più di chi può fidarsi, ma ha capito bene che la sua vita non potrà più tornare quella di una volta.
VOTO:

Il libro che vi voglio recensire oggi è il primo volume di una trilogia un urban fantasy che mi ha stupito. Non avevo grandi aspettative perché in genere quando si parla di Faery e di Fae non arrivo mai alla fine della lettura totalmente soddisfatta: mi aspettavo la solita schiera di esseri fatati e una versione più o meno originale del regno fatato… e invece mi sono trovata alle prese con un’adolescente mezzo sangue, che di fatato ha ben poco e con Avalon, una città in cui si incontrano la realtà umana e quella fatata, una sorta di “corridoio” tra i due mondi in cui convivono umani e Fae, con tanto di dogana per entrare. Un luogo in cui stranezze e normalità si alternano e si mischiano con naturalezza.
La storia narra di Dana, una ragazza cresciuta e vissuta da umana tra gli umani, sballottata da una città all’altra dalla madre alcolizzata (che le crea non pochi problemi e imbarazzo) per sfuggire ad un padre Sidhe… che in realtà nemmeno sa della sua esistenza. Questo almeno finché Dana non decide di averne abbastanza dell’alcolismo della madre e si mette in contatto con suo padre con la speranza di andare a vivere ad Avalon con lui per avere una vita normale. Purtroppo dovrà presto prendere atto del fatto che la sua fuga l’ha precipitata dalla padella nella brace: invece di trovare qualcuno che si prenda finalmente cura di lei, passerà il tempo a confrontarsi con una realtà in cui tutti quelli che incontra vogliono qualcosa da lei, ciascuno per motivi diversi e il tutto a causa proprio delle sue origini… ma non posso svelarvi di più.
AVALON
Il problema in tutta questa complicata situazione è che Dana avrà serie difficoltà a capire di chi fidarsi e il lettore con lei. La prima persona che incontra una volta giunta ad Avalon è la zia Grace che con la scusa di prendersi cura di lei e proteggerla… la rinchiude! Apprensiva o pericolosa? A voi scoprirlo leggendo il romanzo.
Ma la cara zietta è solo il primo dei personaggi fatati che Dana incontrerà sulla sua strada e di sicuro non è il più gradevole (diciamo che mi fa pensare alla strega cattiva dell’ovest!). Dopo di lei sarà il torno di Kimber e Etahn i fratelli Unseelie che più di tutti mi hanno conquistata, a cui seguiranno il padre di Dana, la rigida e affascinante guardia del corpo Finn e altri meno importanti per la storia.
Tutti i personaggi creati da Jenna Black mi sono piaciuti e hanno reso la storia dinamica e originale. Non è mancata la comparsa di qualche mostro e nemmeno la magia, ma il fulcro della narrazione rimarrà sempre Dana: malgrado tutti “rincorrano” la sua parte fatata, lei resterà in ogni pagina prima di tutto un essere umano. La protagonista è una delle adolescenti più credibili che ho incontrato in un libro: i suoi pensieri, le sue reazioni e le sue decisioni sono assolutamente “adolescenziali” , mentre il suo sarcasmo e l’autoironia me l’hanno fatta diventare subito simpatica. Mi aspettavo un percorso di trasformazione in “supereroina” e con piacere ho scoperto che lei è solo una ragazzina in balia di eventi più grandi di lei, scelta che ha reso più naturale immedesimarmi con lei.
La città di Avalon in cui si svolge praticamente tutta la storia, mi ha affascinata e ho trovato buffo che l’autrice ci abbia infilato anche uno Starbucks, un monumento di modernità in un luogo dove la gente di fianco alla macchina in garage tiene anche il cavallo: l’immagine mentale che mi sono creata della città assomiglia molto a San Marino, solo con un panorama molto più suggestivo.
Lo storia creata dall’autrice e il suo stile fluido e spesso colloquiale,  mi hanno catturata fin dalle prime righe e mi hanno tenuta avvinta fino alla fine. Ho apprezzato particolarmente l’assenza di quelli che io chiamo “pesi” narrativi come spesso ho trovato in questo genere, ossia quegli esseri, luoghi o situazioni talmente fantasiosi da non riuscire a disegnarmeli mentalmente e che mi lasciano con una sorta di insoddisfacente istantanea fuori fuoco: tutto ciò che Jenna Black ha inserito nel romanzo è nitido.
Inoltre pur essendo il primo capitolo di una trilogia quasi tutto trova una risposta soddisfacente prima della fine, evitando al lettore un senso di incompiuto.
L’unico dettaglio che mi ha impedito di assegnare a questo titolo 4 gufi pieni è il fatto che, dovendo dare spazio a tutti i personaggi che interagiscono con la protagonista (e che sicuramente torneranno nei prossimi capitoli), nessuna relazione, di amore o di amicizia o di qualsiasi altro genere, si è sviluppata fino in fondo e tutte sono rimaste in fase embrionale. Quindi ora non mi resta che aspettare il seguito sperando che non mi deluda.
E voi cosa ne dite? Se amate i Fae questo libro potrebbe proprio fare al caso vostro!
E anche per questa volta è tutto, quindi passo e chiudo :)

FAERIEWALKER TRILOGY
- Lo specchio delle fate
- L’incantesimo delle fate (previsto in Italia probabilmente in Aprile.. speriamo)
- Sirensong

5 commenti:

  1. io l'ho letto l'anno scorso... mi è piaciuto e sono davvero curiosa di leggere il saguito.
    speriamo che arrivino presto gli altri libri!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto speriamo che arrivino! Visto che già tre volte mi hanno interrotto le pubblicazioni di una saga che mi piaceva :-(

      Elimina
  2. IO non ho letto questo libro, però è in lista, a breve sarà tra le mie mani!!
    vediamo se mi piace!!!
    complimenti per la recensione!!

    RispondiElimina
  3. IO non ho letto questo libro, però è in lista, a breve sarà tra le mie mani!!
    vediamo se mi piace!!!
    complimenti per la recensione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie:-) Sono curiosa di sapere cosa ne penserai!

      Elimina