venerdì 6 settembre 2013

Recensione "La ragazza fantasma" di Sophie Kinsella

Editore Mondadori
Pagine 393
Euro 13,00
TRAMA: A ventisette anni, niente funziona nella vita di Lara. Il fidanzato l'ha lasciata, ma lei non si arrende e lo perseguita con messaggi e telefonate, la società di cacciatori di teste che ha aperto con la sua migliore amica non decolla, la socia ha pensato bene di trasferirsi a Goa lasciandola in un mare di guai e la sua famiglia la considera un po' picchiatella... Quando si trova costretta dai genitori ad andare al funerale di una vecchia prozia di centocinque anni che non ha mai conosciuto, Lara sente di aver toccato il fondo. Durante la funzione, però, succede qualcosa di incredibile: le appare una ragazza bellissima, diafana, vestita con l'accurata ed eccentrica eleganza degli anni Venti, che le chiede con insistenza: "Dov'è la mia collana? Voglio la mia collana!". Chi è questa ragazza? Di quale collana parla? E com'è che solo lei tra i presenti al funerale la vede? Insomma, va bene lo stress, ma addirittura avere le visioni! In effetti l'immaginazione di Lara è sempre stata molto fervida, ma quello che da questo momento le accadrà sorprenderà anche lei. Ciò che ancora non sa è che la misteriosa ragazza comparsa dal nulla, capricciosa, pungente e stravagante, vestita con meravigliosi abiti vintage, diventerà la sua guida, la sua amica più cara, la confidente perfetta, e che la ricerca dell'agognata collana si trasformerà per entrambe in una sorprendente avventura.
VOTO:
 

INCIPIT:
Sapete qual è il problema con i genitori? Si è costretti a mentire per proteggerli. È per il loro bene. Insomma, prendiamo i miei. Se solo avessero un’idea della mia reale situazione – soldi, vita sentimentale, impianto idraulico, tasse – gli verrebbe subito un infarto e il dottore chiederebbe: “Qualcuno per caso li ha scioccati?”. E sarebbe tutta colpa mia. Quindi, loro sono qui da meno di dieci minuti e io ho già detto (***) sette bugie. Senza contare quelle sulla mise della mamma.
RECENSIONE:

Ecco un altro romanzo che a furia di aspettare le mie attenzioni si era riempito di polvere (in senso figurato ovviamente!!) nel corso dei mesi. Eppure adoro i romanzi di Sophie Kinsella, che mi ha conquistata con la saga di I Love Shopping e che finora non mi ha mai delusa. Finalmente, complici le giornate di sole e il buon umore immotivato tipicamente estivo, mi sono decisa ad affrontare questo titolo.
La ragazza fantasma tratta – indovinate un po’? – di una ragazza fantasma. La protagonista, Lara, è una 27enne che nella vita è una totale frana… e questo è un complimento. Disperata per essere stata lasciata da un fidanzato che a occhi meno accecati dall’amore dei suoi appare subito per quello che è – inutile – è anche totalmente negata per il lavoro che fa in società con la sua migliore amica – migliore amica latitante e inutile tanto e più del fidanzato di cui sopra. Insomma Lara è un fiasco su tutta la linea, ma la sua vita rischia di diventare ancora più incasinata quando al funerale di una sconosciuta prozia morta a 105 anni, inizia ad essere perseguitata dal fantasma di una ragazza alla ricerca di una fantomatica collana. Senza bisogno di troppi sforzi di fantasia, diventa presto chiaro che il fantasma appartiene alla defunta prozia Sadie e che sarà un osso molto duro da ignorare.
Ammetto che il libro inizialmente ha fatto un pochino fatica a conquistarmi, forse perché mi aspettavo una sorta di colpo di fulmine per la storia e i personaggi, come mi era sempre accaduto fino ad oggi con i libri della Kinsella. Questa volta invece si tratta di un amore che è nato poco per volta.
Al principio – a parte le situazioni assolutamente assurde e irreali, tipicamente Kinselliane, in cui Lara si trova coinvolta a causa del “suo” fantasma – ho tentennato ad appassionarmi perché non riuscivo a farmi entrare in simpatia né Lara, né tantomeno il fantasma di Sadie. Trovavo la prima smidollata, inconcludente e petulante; mentre la seconda era soltanto irritante, antipatica e fastidiosa! E sapete una cosa? Credo che fosse lo scopo dell’autrice farle apparire così (almeno per quanto riguarda il personaggio fantasmico!). Tant’è che persino loro due non riuscivano a legare ed erano in continuo conflitto… in alcuni momenti avrei voluto infilare la testa nel libro e gridare “SILEEEENZIO!”, come Silente in una scena dei film di HP.
E poi ho proseguito con la lettura, primo perché non abbandono mai un libro prima della fine, secondo perché la Kinsella ha una fantasia talmente spiccata per le stramberie che riesce a farmi ridere e sorridere anche se i personaggi non mi piacciono. Il giorno in cui ho finito il romanzo – una paciosa domenica pomeriggio post temporale – ho letto più di 200 pagine senza tirare nemmeno il fiato. Non so a quale punto della storia l’autrice ha fatto la sua magia su di me, ma senza rendermene conto mi sono ritrovata innamorata del romanzo che stavo leggendo e non riuscivo più a staccarmi. Lara si è rivelata ingenua, ma tenace, appassionata e di buon cuore e Sadie… beh ragazzi, darei qualsiasi cosa per avere un’amica fantasma come lei! Ho iniziato a volere bene ad entrambe prima ancora di capire che le mie sensazioni nei loro confronti stavano cambiando, scoprendomi completamente conquistata da queste due ragazze e dal loro rapporto stravagante.
Come sempre Sophie Kinsella riesce a creare situazioni intricatissime e introvabili nella vita reale, condendole con sentimenti veri e pensieri più profondi. I suoi personaggi acquistano spessore man mano che la storia avanza, diventando compagni insostituibili… arrivata alla fine del libro avrei voluto scoprire che c’erano altre pagine da leggere per non dover salutare Lara e Sadie.
La storia che mi sono trovata tra le mani parla immancabilmente di amore, ma non aspettatevi un romanzo rosa perché questo ne è ben lontano. C’è ovviamente la parte romance, ma non è lei la protagonista: è bellissima, ma non centrale. Il ruolo principale potrebbe essere assegnato al valore dell’amicizia – anche la più improbabile – e soprattutto della famiglia e delle proprie origini. Eppure non è soltanto questo… ci sono talmente tante cose in questo libro, che è difficile dare maggior peso ad una piuttosto che a un’altra, perché la particolarità è proprio nel risultato finale così originale e poliedrico. Tanti tasti vengono toccati, comprese le occasioni perdute del passato… che senza un fantasma per amico sono impossibili da recuperare! L’unica cosa che potete fare per scoprire di cosa parla La ragazza fantasma è leggervelo dall’inizio alla fine.
Quello che è partito come un gran caos, impossibile da districare, diventa una storia attentamente articolata, piena di dettagli che si rincorrono tra presente e passato, su un sentiero lastricato di sorrisi e arrabbiature che porta verso il solito epilogo  prevedibilmente felice, ma inaspettatamente commovente e con qualche ultima piccola sorpresa.
Bello, bello! Inizialmente avevo pensato di dare soltanto 3 gufi a La ragazza fantasma per la difficoltà ad ingranare, ma visto che, intanto che scrivo la recensione e ripenso ai punti salienti della storia, continuo ad avere questo sorrisetto soddisfatto sulla faccia non può che meritarsi giustamente 4 gufetti.
Nuovamente Sophie Kinsella si conferma come una delle mie autrici preferite: il suo stile spigliato, la sua fervida immaginazione e l’allegria che riesce a trasmettermi con i suoi libri sono impagabili. Ora non mi resta che procurarmi un altro paio di suoi titoli, visto che ne ho ancora un po’ da recuperare… compreso l’ultimo appena arrivato nelle librerie “Fermate gli sposi”.
E adesso tocca come sempre a voi: vi piacciono i romanzi della Kinsella? Avete letto La ragazza fantasma? Aspetto le vostre opinioni e, perché no, i vostri consigli se conoscete qualche titolo particolarmente carino di questa autrice.
Io da parte mia non posso che consigliarvi questo romanzo, se cercate una boccata di allegria e una storia fuori dagli schemi.
E visto che con questo è tutto, passo e chiudo :)

11 commenti:

  1. Io adoro Sophie Kinsella e questo è proprio il libro che più mi è piaciuto!
    Se non l'hai ancora letto ti consiglio "Ho il tuo numero", l'ho divorato! :)

    RispondiElimina
  2. Adoro questo libro, è uno dei miei preferiti della Kinsella :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei preferiti restano sempre quelli della serie I love shopping, ma tutti quelli letti finora nn mi hanno mai delusa :-)

      Elimina
  3. Io ho letto pochi giorni fa il mio primo libro della Kinsella "Fermate gli sposi" e non mi è piaciuto per niente!!!Altro che divertirmi, mi ha irritato!!
    Comunque per adesso ho accantonato questa autrice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato! Sarei curiosa di leggerlo per saperti dire se è all' altezza degli altri romanzi... Mi toccherà provvedere ;-)

      Elimina
  4. Io dopo la 50 pagina l'ho richiuso e rimesso in libreria proprio non c'è la facevo, però se dici così oddio mi sta nascendo un senso di colpa O.O magari appena finisco un po' di letture arretrate li riprendo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti le prima 50 pagine puzzavano anche a me di delusione... Menomale che nn mi sono arresa! Se lo riprendiamo, poi fammi sapere ^^

      Elimina
    2. Volevo scrivere riprendi. ..

      Elimina