domenica 13 luglio 2014

Recensione EPIDEMIA ZOMBIE 3 - SOPRAVVISSUTI di Z.A. Recht

Editore Multiplayer.it
Pagine 373
Euro 14,90
TRAMA:
In un'apocalisse zombie che appare ormai senza via d'uscita, due bande di sopravvissuti attraversano il cuore dell'America, ormai devastata. Hanno un solo e unico obiettivo: ricongiungersi e insieme trovare una cura per combattere il virus Morningstar che minaccia l'esistenza stessa del genere umano o di quel che ne resta. Questi superstiti, depositari del futuro dell'intero pianeta, dovranno affrontare un incubo a occhi aperti. A loro spetta il compito di sopravvivere. Con ogni mezzo. Da una parte, una brillante virologa. Dall'altra, un soldato immune al virus che si dimostrerà straordinariamente prezioso. A ostacolarli c'è Sawyer, un agente al servizio del Presidente degli Stati Riuniti d'America, convinto che la dottoressa Anna Demilio abbia già in mano la cura. Sarà pronto a tutto pur di trovarla e utilizzarla per i propri subdoli piani. In gioco c'è la salvezza del mondo e delle loro stesse anime. Fino a dove si spingeranno i sopravvissuti per raggiungere la vittoria?
VOTO:
 
INCIPIT:

Spinta dalla forte brezza, una bandiera americana fluttuava con eleganza nei cieli sopra al brulicante complesso. Sulla piana, ben distanti dai crinali boscosi dei monti Appalachi, soldati e civili si dedicavano ai loro compiti come se da quella lena dipendessero le loro stesse vite. E, a conti fatti, era effettivamente così.
Il mondo dei vivi era sprofondato nell’oblio.

RECENSIONE:
Ed eccomi alla fine di un’altra trilogia! Quando finite una saga, voi non avete mai l’impressione di aver raggiunto una meta? O di aver compiuto un’impresa mirabile?
Io con tutte le serie che vedo sospendere, nel momento in cui chiudo l’ultimo libro mi sento particolarmente realizzata… soprattutto se, come in questo caso, si tratta di una trilogia che mi ha entusiasmata in ogni volume!
Come vi sarà già chiaro dalla cover, torno a parlarvi della trilogia EPIDEMIA ZOMBIE di Z.A. Recht che torna a confermarsi la saga sui non-morti più ben riuscita che ho letto finora.
In occasione della recensione del secondo volume vi avevo manifestato i miei timori per il fatto che il libro sia stato terminato da due mani diverse di quelle di Recht (venuto a mancare prima della fine del romanzo), ma come potete vedere dai gufi qui sopra la delusione non c’è stata… anche se sono convinta che Recht avrebbe potuto dare al titolo quel qualcosa in più a cui non so dare un nome, ma di cui ho avvertito la mancanza.
Ma veniamo a Sopravvissuti.
Anche questa volta la storia riprende dal punto in cui si era interrotta nel secondo. Tuono e Cenere finiva – OKKIO SPOILER PER CHI NON HA LETTO I VOLUMI PRECEDENTI!!! – con il gruppo guidato da Sherman che finalmente raggiungeva Omaha e i laboratori, aiutando la dottoressa Demilio e i suoi compagni a liberarsi dal cattivone di turno, tale Sawyer, un esaltato esponente di un ente paramilitare che si arroga l’autorità di sostituire il vero Governo degli Stati Uniti in questa fine del mondo. A chilometri e chilometri da loro nel frattempo, l’equipaggio della USS Ramage trovava l’unico uomo immune al virus… insomma un finale che mi ha lasciata con l’acquolina in bocca per mesi!!!
Come vi dicevo, l’azione riprende da lì ed è quindi prevedibile quello che ci si aspetta: la missione di far raggiungere a Mark Stiles (l’immune al Morningstar) i laboratori da una parte; Sherman e i suoi che si augurano che la Demilio trovi una cura per il virus dopo essersi insediati ad Omaha dall’altra; e infine Sawyer che prepara un nuovo e più deciso assalto al complesso dove si trova la dottoressa, con l’obiettivo di uccidere tutti tranne lei, perché è convinto che lei la cura l’abbia trovata da un pezzo.
Questo lo scenario che si prospetta, quindi direi che è palese che non c’è possibilità di annoiarsi. – FINE SPOILER
Come nel precedente volume la parte che meno ho apprezzato è quella dedicata ai cattivi umani: ritornano quelli già conosciuti e ne compaiono di nuovi che daranno un sacco di problemi in un mondo che già è problematico di suo.
L’azione si sposta per un po’ anche di nuovo ad Abraham, la cittadina sopravvissuta all’apocalisse, e al suo sceriffo… ma non posso dirvi di più perché è una parte molto importante. Posso dirvi che è stato un piacere ritornare lì e i capitoli dedicati a quella parte del mondo sono stati molto intensi e soprattutto inattesi.
Insomma, nulla viene lasciato al caso! Per tutto e tutti è stato scritto un destino… anche se purtroppo non tutti i destini sono stati come mi auguravo! Questa volta mi sono ritrovata con le mani premute sulla bocca per lo shock provato davanti a tanti, troppi personaggi che mi piacevano e che avevo imparato a veder muovere tra le pagine e che invece ho dovuto lasciar andare: quelli che più di tutti mi piacevano non sono nemmeno morti per causa degli zombie, ma per mano umana! Resta il fatto che tante di quelle perdite non me le aspettavo davvero, anche se forse avrei dovuto, ma mi chiedo se tutte fossero nei progetti dell’autore.

In questo modo il viaggio verso l’epilogo è stato anche e soprattutto una fatica emotiva: sempre a sperare che i miei “compagni” di fine del mondo riuscissero a farcela una volta di più; sempre a trattenere il fiato e ad inciampare con gli occhi sulle parole per la fretta di andare avanti… e spesso con il cuore più pesante per aver all’improvviso dovuto dire addio a qualcuno che sapevo non sarebbe ricomparso più! La sensazione è quella di vivere in prima persona questa odissea con i personaggi creati da Recht… senza sapere cosa accadrà, ma con quella tenacia che continua a spingerti avanti anche quando le speranze sembrano ormai tutte perdute.
Insomma il ritmo è sicuramente altissimo, nuovamente l’adrenalina la fa da padrona e il dolore è aumentato esponenzialmente rispetto ai precedenti volumi.
Soprattutto man mano che la fine si avvicina, quando le tre “telecamere” - che per gran parte del libro hanno inquadrato azioni e gruppi diversi – finiscono col sovrapporsi, la narrazione prende una velocità e una concitazione da lasciare esausti una volta che si arriva all’ultima pagina. Questa parte infatti ho dovuto leggerla tutta in una volta, mangiando tardissimo, perché non potevo e non volevo lasciare i miei “amici” senza sapere cosa gli stava accadendo.
Molti personaggi restano separati nel momento di maggiore pathos, quindi la penna dell’autore scatta da un nome all’altro, con paragrafi brevi separati da tre lineette… quasi narrasse un pezzo senza respirare e poi dopo una veloce inspirazione riprendesse a raccontare: non so se sono riuscita a rendere l’idea, ma l’effetto è un’urgenza senza precedenti!
Quindi devo ammettere che Thom Brannan (l’autore che ha sostituito Recht nel terminare il romanzo) è riuscito a fare un ottimo lavoro, mantenendo il livello della saga altissimo… mi chiedo se l’impressione di aver notato in alcuni punti il passaggio del testimone, non dipenda soltanto dal fatto di averlo saputo. Ma questa è una domanda a cui non troverò mai risposta ^^
Cosa non ha fatto raggiungere il voto massimo a Sopravvissuti? Di sicuro ha influito il ruolo principale che è stato dato alla minaccia umana (stemperato fortunatamente dalla minaccia degli infetti che sono sempre più numerosi, sempre più affamati e sempre più impressionanti!!) che come sapete non è la mia passione. E in parte un epilogo che dà la giusta conclusione a tutte le vicende, una luce di speranza che illumina il futuro dei nostri eroi e un’apertura che lascia spazio alla fantasia dei lettori per metterci del loro… l’unico difetto secondo me è che questa apertura è fin troppo ampia. Io sono una delle estimatrici dei finali aperti perché amo immaginare la mia versione del “dopo”, ma in questo caso forse qualche input in più l’autore avrebbe potuto darlo: non è che se aggiungeva ancora due o tre pagine gli si rompevano le dita no?!
A parte gli scherzi, torno a consigliare la MORNINGSTAR SAGA – conosciuta da noi come Epidemia Zombieperché è la zombie story più appassionante ed emozionante che ho incontrato fino ad oggi… e ne ho letti davvero un bel po’!
Quindi se non le avete ancora dato una possibilità, fatelo perché sono certa che non ve ne pentirete.
E prima di chiudere confermo anche il mio entusiasmo per la scelta delle cover: in quest’ultima il sangue ha invaso tutto, lasciando ben poco spazio bianco… secondo me è azzeccatissima!
Ora è il vostro turno: avevate già letto questi libri? Cosa ne pensate?
Passo e chiudo :)

TRILOGIA EPIDEMIA ZOMBIE
(Cliccando sui primi due titoli, potete vedere le relative recensioni)
Epidemia Zombie 3 - Sopravvissuti

6 commenti:

  1. Ma sai che ho i primi due e non li ho ancora iniziati. Però mi hanno sempre ispirato un botto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi auguro che ti piaceranno quanto sono piaciuti a me... ma sono convinta di sì ^^

      Elimina
  2. Mamma mia come ti invidio per questa saga!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente è stata una scelta molto azzeccata: io te la consiglio :D

      Elimina
  3. E' da tanto che cerco qualche romanzo che parli di zombie, questa serie sembra fare al caso mio :D finisce in wish list sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Rosa! Bella scelta... io ne ho letti parecchi, ma questo per ora è il migliore :)

      Elimina