lunedì 14 ottobre 2013

ANTEPRIME di Ottobre delle Case Editrici

Iniziamo questa nuova settimana con le anteprime delle case editrici e ci sono un po’ di  novità per tutti i gusti all’orizzonte.
Il primo titolo di oggi è la rivisitazione di una storia d’amore tra le più famose, quella narrata da Jane Austen in Orgoglio e Pregiudizio, solo che questa volta viene raccontata dal punto di vista di Mr. Darcy… per me potrebbe essere l’occasione di avvicinarmi a questa storia che non ho mai avuto modo di leggere e me ne vergogno anche un po’…
IL DIARIO DI MR. DARCY
Orgoglio e pregiudizio: la versione di Darcy
di Amanda Grange
NEL BICENTENARIO DI ORGOGLIO E PREGIUDIZIO
IL FENOMENO DI JANE AUSTEN CONTINUA AD AFFASCINARE
Editore Tre60
Pagine 300
Euro 12,90
TRAMA:
Fitzwilliam Darcy è l'eroe romantico che da duecento anni a questa parte continua a conquistare il cuore di milioni di lettrici in tutto il mondo. In questa coinvolgente e fedele rivisitazione di Orgoglio e pregiudizio, finalmente la storia di Darcy ed Elizabeth viene raccontata dal punto di vista di lui.
Per la prima volta abbiamo accesso ai suoi pensieri e sentimenti più intimi, riversati nelle pagine del suo diario, e a tutti quei momenti e quelle situazioni a cui nell'originale si fa solo cenno. All'apparenza freddo e distaccato, Darcy in realtà ha un temperamento passionale: possiamo condividere la sua furia e la sua indignazione nello scoprire il proposito della sorella di fuggire con George Wickham, la sua buona fede nell'adoperarsi per separare l'amico Charles Bingley da Jane Bennet e il suo disgusto nel dover di nuovo aver a che fare con Wickham, che ora insidia proprio la famiglia Bennet.
Ma, sopra ogni altra cosa, attraverso le parole di Darcy ripercorriamo la sua storia d'amore con Elizabeth in tutte le sue sfumature, dall'iniziale ostilità all'irresistibile attrazione, dal conflitto interiore fino all'indimenticabile lieto fine.
Il diario di Mr. Darcy è un rispettoso omaggio al capolavoro di Jane Austen, e un'occasione imperdibile per rivivere ancora una volta le emozioni e le atmosfere che ha saputo creare.
Uscita: 17 ottobre 2013
L’autrice
Amanda Grange, inglese, si è da tempo specializzata nell'interpretazione creativa dei classici della letteratura. Ha al suo attivo sedici romanzi, tutti di grande successo in patria e all'estero. Il suo sito è www.amandagrange.com
Hanno detto del romanzo
«Davvero affascinante. Amanda Grange è riuscita a mettersi nei panni di Darcy e raccontare il suo amore per Elizabeth sotto una luce completamente diversa.»
HISTORICAL NOVEL SOCIETY
«Il diario di Mr. Darcy è un viaggio indimenticabile nella mente e nel cuore di uno dei personaggi più amati della storia della letteratura. Un vero regalo per chiunque si sia appassionato a Orgoglio e pregiudizio.»
***************************************************

Per proseguire vi presento il nuovo libro di Maya Banks – premetto di non essermi finora lasciata tentare da questa nuova autrice hot, come non avevo ceduto alla tentazione delle “Sfumature” perché proprio è un genere che non mi attira e non mi dà soddisfazione. Ma io so per certo che molte di voi hanno letto almeno un suo romanzo e, anche se non tutte hanno apprezzato la sua opera, scommetto che alcune saranno contente di questa notizia. Sotto il titolo, vi riporto stile copia-incolla la presentazione della Harlequin che meglio di qualsiasi cosa possa dirvi io, rende l’idea di cosa vi aspetta… in realtà devo ammettere che questa volta sono attirata anch’io, forse perché finalmente è la donna a prendere le redini dei giochi, e il destino ha voluto che proprio stamattina il corriere me lo abbia consegnato a sorpresa, quindi ho una scusa plausibile per leggerlo:
IL CONFINE DEL PIACERE
 di Maya Banks
Dopo aver scalato le classifiche mondiali con THE BREATHLESS TRILOGY Maya Banks, l’autrice rivelazione dell’anno, torna con un romanzo dall’erotismo dirompente, che saprà conquistare il grande pubblico della narrativa passion con un mix di trasgressione ed eleganza.
QUELLO CHE LEI VUOLE, QUELLO DI CUI LEI HA BISOGNO, QUELLO CHE LEI DESIDERA: sono le tre sezioni di un unico romanzo in cui la tensione erotica si respira dalla prima all’ultima pagina, carezzevole e sensuale.
Perché MAYA BANKS sa quello che vogliono le donne e firma un libro che soddisfa ogni fantasia, anche la più ardita.
Editore Harlequin Mondadori
Euro 9,90 cartaceo – 6,99 ebook
TRAMA:
Essere amici, desiderarsi, amarsi. Spesso le tre cose sono legate come anelli di una catena, una catena di piacere. Kit, Mac e Ryder sono amici, ma condividono molto di più. Un'irresistibile attrazione, che rende ogni gesto carico di sottintesi, come una carezza gentile che nasconde promesse di passione. Può essere il momento giusto per Mac per dichiarare il proprio amore a Kit? E può l'amore avere confini? Anche Ryder deve fare i conti con i propri sentimenti. Non è sicuro di poter accettare un nuovo equilibrio tra loro tre. Ma quello che conta è ciò che Kit vuole e ciò di cui ha bisogno. Una storia che coinvolge personaggi complessi, che vivono la vita in modo anticonformista, mettendo al centro la felicità, qualunque cosa significhi.
Uscita: 15 ottobre 2013
Le prime pagine del romanzo: QUI
L’autrice
Quello di Maya Banks è un nome molto familiare ai vertici della classifi ca del New
York Times. Già da tempo amatissima autrice Harlequin Mondadori di romanzi
seriali, vanta un ampio pubblico di affezionate lettrici che attende con trepidazione
ogni sua nuova opera.
È però con il primo volume della Breathless Trilogy (Passione senza tregua) che ha
raggiunto il successo mondiale, debuttando direttamente ai primi posti delle più
importanti classifi che di vendita e guadagnandosi il titolo di autrice rivelazione
della narrativa hot.
Hanno detto del romanzo
“Maya Banks è la nuova E. L. James“
AffariItaliani.it
“La Banks è la lettura perfetta per tutte le amanti della nuova narrativa erotica in stile
Cinquanta Sfumature“
Romantic Times
***************************************************

Adesso invece passiamo alla casa editrice Ponte delle Grazie con due nuove pubblicazioni in vendita da pochissimi giorni, di cui soprattutto la prima ha una valanga di commenti positivi che invogliano a leggerlo:

UNA STORIA PER L’ESSERE TEMPO
 di Ruth Ozeki
Sulle onde di uno tsunami,
il diario di una ragazza ha attraversato l’oceano.
Cambia la vita delle persone che lo trovano.
Cambierà anche la tua.
Pagine 528
Euro 19,00
TRAMA:
A Tokyo, la sedicenne Nao crede che ci sia una sola via di fuga dalla sua dolorosa solitudine e dal bullismo dei compagni di classe. Ma prima di farla finita, si ripropone di raccontare la vita della sua bisnonna, una monaca buddhista ultracentenaria. Un diario è il suo unico passatempo, un diario che toccherà molte vite in modi che Nao non immagina neppure. Sull’altra sponda del Pacifico troviamo Ruth, scrittrice che vive su un’isola sperduta e che rinviene una serie di oggetti dentro un contenitore per il pranzo di Hello Kitty, portato a riva dalle onde. Che si tratti di un relitto del devastante tsunami del 2011? A man a mano che ne emerge l’importanza del contenuto, Ruth si lascia trascinare nel passato, nel dramma di Nao e nel suo destino ignoto, e contemporaneamente in avanti, nel proprio futuro. In questo romanzo a due voci incentrato sul rapporto tra scrittore e lettore, passato e presente, realtà e finzione, Ruth Ozeki attinge alla fisica quantistica, alla storia e al mito. Diviso tra Canada e Giappone, di cui restituisce le atmosfere e i risvolti più tragici, Una storia per l’essere tempo è il raffinato ritratto di tre donne molto diverse tra loro. Un racconto intenso e ammaliante, ironico e lieve, della natura umana e della ricerca del proprio posto nel mondo.
Estratto:
«Mi chiamo Nao e sono un essere tempo. Sai cos’è un essere tempo? Allora, dammi un minuto e te lo spiego. Un essere tempo è qualcuno che vive nel tempo, quindi tu e io e tutti quelli che sono, furono e saranno. Io, per esempio, adesso sono seduta in un maid café francese ad Akiba Electricity Town e sto ascoltando una chanson triste suonata in chissà quale momento del tuo passato, che sarebbe il mio presente, e sto scrivendo mentre immagino te, chissà dove nel mio futuro. E se stai leggendo, magari a questo punto anche tu stai immaginando me. Tu immagini me. Io immagino te».
L’autrice
Scrittrice pluripremiata e monaca buddhista zen, Ruth Ozeki è regista di numerosi film indipendenti che sono stati acclamatissimi dalla critica. Affiliata del Brooklyn Zen Center, vive tra New York e Vancouver. A pochi mesi dall’uscita, i diritti di traduzione di Una storia per l’essere tempo sono stati venduti in oltre dieci Paesi, tra cui Germania, Spagna, Paesi Bassi, Francia, Stati Uniti e Brasile.
Hanno detto del romanzo
«Originale e toccante».
Philip Pullman
«Una storia senza tempo.
 Ruth Ozeki è una scrittrice molto intelligente e molto umana,
e propone le sue intuizioni con una grazia che incanta».
Alice Sebold
«Ruth Ozeki è una delle mie scrittrici preferite
e questo è senz’ombra di dubbio il suo miglior romanzo».
Junot Díaz
«Una trama magistrale. Intrecciando la lingua giapponese con la storia della Seconda guerra mondiale, la cultura pop con Proust, lo zen con la meccanica quantistica, Ozeki alterna le voci di due donne e ci regala un racconto affascinante».
O, The Ophra Magazine

LA VITA IN TEMPO DI PACE
di Francesco Pecoraro
Pagine 480
Euro 16,80
TRAMA:
L’ingegner Ivo Brandani è sempre vissuto in tempo di pace. Quando il libro comincia, il 29 maggio 2015, Ivo ha sessantanove anni, è disilluso, arrabbiato, morbosamente attaccato alla vita. Lavora per conto di una multinazionale a un progetto segreto e sconcertante, la ricostruzione in materiali sintetici della barriera corallina del Mar Rosso: quella vera sta morendo per l’inquinamento atmosferico. Nel limbo sognante di un viaggio di ritorno dall’Egitto, si ricompongono a ritroso le varie fasi della sua esistenza di piccolo borghese: la decadenza profonda degli anni Duemila, i soprusi e le ipocrisie di un Paese travolto dal servilismo e dalla burocrazia, il sogno illusorio di un luogo incontaminato e incorruttibile, l’Egeo. E poi, ancora indietro nel tempo, le lotte studentesche degli anni Sessanta, la scoperta dell’amore e del sesso, fino ad arrivare al mondo barbarico del dopoguerra, in cui Brandani ha vissuto gli incubi e le sfide della prima infanzia.
Chirurgico e torrenziale, divagante e avvincente, La vita in tempo di pace racconta, dal punto di vista di un antieroe lucidissimo, la storia del nostro Paese e le contraddizioni della nostra borghesia: le debolezze, le aspirazioni, gli slanci e le sporcizie, quel che ci illudevamo di essere e quel che alla fine, nostro malgrado, siamo diventati.
L’autore
Francesco Pecoraro (1945) è nato a Roma, dove vive. Ha pubblicato i racconti di Dove credi di andare (Mondadori, 2007; Premio Napoli e Premio Berto), le poesie di Primordio vertebrale (Ponte Sisto, 2012) e Questa e altre preistorie (Le Lettere, 2008), che racchiude le prose del suo Tash-blog.
Hanno detto del romanzo
«Pecoraro è uno scrittore di guerra. Di una guerra finita tanto tempo fa – ma che da allora è proseguita nei “sessant’anni di pace” e prosegue sempre [...] “nei tanti inferni del fare umano”».
Andrea Cortellessa
«Quella di Pecoraro è una scrittura senza perdono [...] Non fugge il trauma, lo ricerca ansiosamente. Meglio farglisi sotto [...]. Chi colpisce per primo colpisce due volte».
Daniele Giglioli
«È l’irritazione [...] il principale motore della scrittura di Pecoraro. [... Ma] c’è un momento in cui intolleranza e capacità di osservazione convergono e riescono a gettare una luce completamente
nuova sullo stato dell’umanità all’alba del XXI secolo».
Gabriele Pedullà
***************************************************
Trovato qualcosa che vi ispira?
Passo e chiudo :)

7 commenti:

  1. Una storia per l'essere tempo scommetto che sarà bellissimo. Non è proprio io mio genere ma leggendo l'estratto, quelle poche righe, mi hanno colpito molto. Credo proprio che lo leggerò.

    RispondiElimina
  2. Non vedo l'ora di leggere il Diario di Mr Darcy, spero che pubblichino tutta la serie dei diari *_____________________*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi trovi impreparata... Non sapevo ci fosse una serie :-P

      Elimina
  3. Sono a digiuno di Jane Austen pure io... che imbarazzo, e pensare che studio pure lettere!! XD Ma ci rifaremo, Lo, mai dire mai!! ;D

    RispondiElimina
  4. Mi attira il confine del piacere, ma ho paura che sia la solita storia del maschio dominatore e della donna sottomessa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrebbe essere il contrario... Ma te lo saprò dire dopo averlo letto ^^

      Elimina