lunedì 5 maggio 2014

Recensione "Come inciampare nel principe azzurro" di Anna Premoli

Editore Newton & Compton
Pagine 318
Euro 9,90
TRAMA: Ogni ragazza moderna che si rispetti sogna di sfondare e magari di andare a lavorare all’estero, e Maddison è esattamente come tutte le altre. Solo un po’ meno motivata, e un po’ meno disposta ad andare via delle altre.
Così, quando la promozione arriva sotto forma di un trasferimento in Corea del Sud, Maddy è tutt’altro che felice. Anche perché il suo nuovo capo americano ma con gli occhi a mandorla è un po’ troppo severo, anche se oggettivamente molto affascinante. Troppo affascinante.
Ecco le divertenti vicende di una ragazza in carriera che si ritrova cittadina del mondo suo malgrado.

VOTO:

INCIPIT:
Tanto per cambiare piove a dirotto!
Non che a Londra piova proprio sempre. Voglio dire, non siamo mica in Scozia. Piove il giusto. In questo periodo, lo ammetto, oggettivamente spesso. Ok, mi arrendo, dall’inizio di agosto diluvia ogni giorno…
Ma ora è davvero il caso che smetta di perdere il mio tempo a osservare i rivoli d’acqua sulle mie finestre e mi dia una mossa. Il bell’orologio che ho ricevuto dai miei per la laurea, ormai qualche anno fa, mi indica inesorabile che sono già in ritardo sulla tabella di marcia quotidiana. In fondo al corridoio il telefono prende a squillare minaccioso. A quest’ora può essere solo mia madre, quindi non mi sogno proprio di rispondere. Mai iniziare la giornata con tua madre che ti stressa. Una giornata simile non potrebbe che andare male.
RECENSIONE:
Finalmente riesco a trovare il tempo per scrivere questa benedetta recensione!! Sono giorni che voglio parlarvi di questo titolo e non riuscivo mai a mettermi al pc per scriverne, ma il piacere che ho provato leggendolo non si è minimamente sbiadito, tanto che ho avuto difficoltà ad iniziare un altro libro… come mi succede sempre quando mi innamoro di una storia.
YEONGDEUNGPO-GU
il quartiere dove vive Maddy a Seul

Ammetto che non avevo nessun genere di aspettativa per questo romanzo, ma Anna Premoli è stata una piacevolissima sorpresa.
La protagonista del libro – tale Maddy – è una giovane donna in carriera che in realtà lavora più che altro per soddisfare le aspettative della madre e non per vera ambizione. Maddy dice di odiare il suo lavoro e soprattutto non crede di essere all’altezza del suo ruolo. Ma un giorno arriverà la notizia che cambia la sua vita… in peggio! Lei così attaccata alle sue abitudini e alla sua amata Londra, si ritrova spedita in Corea al fianco di un superiore che detesta fin dal primo sguardo.
Uno schema della metropolitana di Seul...
che crea non pochi problemi alla protagonista

Suo malgrado dovrà accettare questa nuova vita e il lettore si ritrova con lei in posti che sono talmente lontani da ciò che la maggior parte di noi conosce da sembrare quasi su un altro pianeta. Provate a immaginare di trovarvi in un luogo lontanissimo da casa, dove non parlate una sola parola della lingua locale, dove il cibo è così diverso dai vostri gusti da ritrovarvi a fare una dieta forzata e dove l’unica persona a cui potete fare riferimento è una di quelle che trovate più antipatiche… il disastro è dietro l’angolo per forza. E invece si tratta solo di superare i pregiudizi… cosa che a Maddy risulterà molto più difficile che al lettore.
GAANGHWAMUN
porta d'ingresso del palazzo reale più famoso di Seul

Leggendo questa storia ho vissuto situazioni esilaranti, divertendomi tantissimo, e ho avuto anche modo di vedere attraverso gli occhi della protagonista posti bellissimi ed esotici che mi hanno fatto nascere la curiosità di visitare un Paese che non avevo mai preso in considerazione. Sparse in questa pagina trovate alcune foto dei posti che l’autrice descrive con dovizia di particolari – dettaglio questo che testimonia anche un buon lavoro di ricerca svolto in fase di stesura del romanzo – e che rendono il contesto della narrazione particolarmente affascinante.

KIMCHI - il cibo locale più famoso...
tanto detestato da Maddy ^^

La protagonista mi ha conquistata completamente col suo essere spesso così ottusa da diventare esasperante. Simpatica, cocciuta e dalla lingua lunga è diventata velocemente un’amica da cui non riuscivo a separarmi. La sua controparte maschile invece… beh, mi sono innamorata di Mark moooolto prima di lei! Bello in maniera originale con il suo essere metà americano e metà coreano, intelligente, galante e sicuro di sé. Gli acidi scambi di battutine e frecciate con Maddy sono tanto frequenti, quanto illuminanti per l’evoluzione del loro rapporto… almeno agli occhi di chi legge, perché nessuno è più cieco di loro due, che non sono proprio capaci di leggere tra le righe, dando sovente origine a equivoci e fraintendimenti.
HYANGWON-JEONG
Suggestiva pagoda esagonale al centro di un laghetto

Il ritmo della narrazione è spigliato e dinamico. Mai un momento di noia. Una storia stravagante e allegra. Una commedia romantica che non si basa su zucchero e miele, che fa ridere un minuto e irritare quello dopo. Un libro leggero, che si legge tutto d’un fiato e che personalmente avrei voluto continuasse ancora e ancora.
L’amore, secondo Anna Premoli, nasce dove meno te lo aspetti, dove proprio non avresti mai pensato di cercarlo… chi odia ama è un modo di dire vecchio come il mondo, che viene rispolverato dall’autrice in quest’opera imprevedibile. L’ambientazione contribuisce sicuramente a dare al libro quel tocco in più di originalità, così come tutti i personaggi pittoreschi che circondano i due protagonisti.
KYEONGHOE-RU
La pagoda più grande della Corea del Sud

È ormai qualche mese che ho sviluppato una particolare propensione per le commedie romantiche e a volte si rischia di incappare in romanzetti insipidi… sicuramente non è il caso di Inciampare nel principe azzurro, che mi ha tenuto compagnia in una triste giornata di pioggia portando il sole sotto forma di buon umore nella mia casetta!
Assolutamente consigliato a chi cerca una ventata di leggerezza e una bella storia d’amore… niente situazioni sdolcinate in questo romanzo, ma un sentimento e si rafforza lentamente, nascondendosi dietro l’ostilità dell’antipatia reciproca.
Promosso sotto tutti i punti di vista!
Passo e chiudo :)

7 commenti:

  1. Al buon umore non si può dir di no! Ben venga una lettura piacevole:) Bella recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con questo libro il buon umore è assicurato ^^

      Elimina
  2. Quando si dice non giudicare il libro dalla copertina >-< Così a prima occhiata lo avrei liquidato come un romanzo così così...però la tua recensione mi ha incuriosito e mi ha fatto venire voglia di leggerlo ^.^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io l'ho avuto lì per un bel pezzo prima di decidermi a leggerlo per lo stesso motivo... uno di quei casi in cui l'abito non fa il monaco XD

      Elimina
  3. Ho adorato questo libro! Credo che con la Premoli le risate siano garantite. ;) Mark l'ho trovato splendido anche io ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è stato il primo romanzo che ho letto di questa autrice, ma di sicuro adesso leggerò anche altro ;)

      Elimina
  4. che bella questa recensione, anche a me è piaciuto questo libro, ci sono certe scene proprie comiche

    RispondiElimina